fbpx

Software antivirus anti hacker per la cyber security aziendale e vulnerabilità OWASP TOP 10

Individua e risolvi ogni vulnerabilità

Aumento attacchi gravi rispetto al 2021
66%
Attacchi con impatto critico nel 2021
56%
Attacchi con richiesta di riscatto 2021
30%

Dati sugli attacchi hacker relativi al rapporto Clusit 2021

CyLock individua le vulnerabilità di qualsiasi sistema senza richiedere competenze tecniche, esegue accurati Penetration Test e Vulnerability Assessment in sole 24 ore

9 siti su 10 presentano vulnerabilità che possono essere sfruttate per sottrare i dati, CyLock le individua immediatamente e ti indica come risolverle 

CyLock Semplifica il rilevamento automatico delle vulnerabilità critiche nei siti web, nelle applicazioni web e nei server, comprese quelle definite dalla OWASP TOP 10. 

CyLock identifica tutte le vulnerabilità e le configurazioni errate fornendo un report accurato e pronto all’uso, senza falsi positvi

Proteggi la tua impresa con heartbleed test e pentest site online free

I proprietari di PMI sono spesso convinti che gli hacker non troveranno le loro attività sufficientemente redditizie per attaccarle. Ma la verità è che le piccole imprese sono più facili da attaccare perché tecnicamente non ci sono controlli di difesa o di sicurezza in atto. La ricompensa potrebbe essere inferiore, ma il lavoro è molto meno e può essere facilmente replicato su larga scala. Il momento per te di agire è ADESSO.

Il servizio AntiHacker CyLock nasce con l’obiettivo di aumentare il livello di sicurezza dei sitemi IT aziendali e poter resistere in maniera adeguata agli attacchi esterni. È l’ideale per implementare la sicurezza informatica in azienda anche da parte di risorse non specializzate: imprenditori, professionisti, manager e personale non tecnico: il report e il pannello di controllo CyLock sono progettati infatti per essere facilmente comprensibili anche da chi non è un esperto di informatica e cybersecurity.

Osstmm e owasp in un solo software anti-hacker

CyLock ti permette di testare e gestire la cybersecurity in azienda in maniera completamente automatica, online, 24/7 e prendere le decisioni e i rimedi alle tue vulnerabilità in consapevolezza e senza essere tecnici specializzati.

Oggi esiste una fortissima asimmetria informativa tra tecnici e non tecnici in ambito cybersecurity, ma i tecnici specializzati sono una risorsa scarsa sul mercato e non presente nella quasi totalità delle PMI. Il bias informativo permane anche dopo l’intervento di un tecnico specializzato, a causa dei report e i rimedi proposti ultra-specialistici: la loro accettazione e implementazione avviene spesso nella quasi assoluta inconsapevolezza da parte dell’organizzazione, che li subisce.

CyLock fornisce una dashboard online tramite cui permette alle PMI di superare questo gap ed avere sotto controllo la sicurezza dei dati e dei sistemi, attraverso un’informazione a più livelli e diverse possibilità di azione a rimedio dei punti di criticità individuati.

Infine, grazie alla possibilità di richiedere video-call di supporto o di accedere al servizio di rimedio delle vulnerabilità da remoto (servizio Fix-IT), CyLock permette di personalizzare al massimo l’esperienza utente in ambito cybersecurity, anche nei momenti in cui c’è bisogno di prendere scelte strategiche nella massima consapevolezza grazie al team di esperti a disposizione.

Niente tecnicismi, solo uno spazio per gestire la sicurezza dei tuoi dati con un dito!

Il valore di un pentest audit semplice da usare

Il software Anti-Hacker CyLock è un programma sviluppato dai nostri ricercatori per permettere di analizzare la sicurezza aziendale dal punto di vista di un hacker e proporre i rimedi più efficace per evitarne i relativi attacchi.

L’attività anti-hacker di CyLock prevede l’impiego di un software proprietario sviluppato dal team CyLock che esegue molteplici VAPT (Vulnerability Assessment e Penetration Test) contemporaneamente sulla base delle metodologie e standard mondiali in ambito cyber security OWASP e OSSTMM, consentendo di eseguire in minor tempo l’attività tipica di un ethical hacker.

L’attività è molto complessa da parte di CyLock, ma per l’utente è semplicissimo: deve solo inserire l’indirizzo internet, l’indirizzo IP del PC o del server da testare ed il gioco è fatto! Al termine dell’attività, il cruscotto online CyLock riporterà i risultati e le possibilità di scelta dei rimedi applicabili, in maniera chiara e comprensibile a chiunque.

Report cyber security entro 24h con CyLock Anti-Hacker

Il report viene fornito entro 24 ore dal termine del test Anti-Hacker. 

I servizi automatici presenti oggi online effettuano test e forniscono report in pochi minuti, ma sono molto superficiali e dallo scarsissimo valore, inoltre spesso contengono output incomprensibili per personale non specializzato.

CyLock Anti-Hacker, invece, impiega diverse ore per portare a termine la simulazione di attacco. Ciò perché vengono condotte approfondite analisi in virtù dell’accuratezza e dell’elevata qualità degli strumenti di analisi e test messi a disposizione, nonché della complessità della rete o del dominio online da verificare. A seguito dell’elaborazione dei risultati, i nostri ethical hacker certificati MAS Opsec, eWPT, eCPPT e CISM procedono con la verifica dei risultati ottenuti ed elaborano i rimedi più adatti alla circostanza verificata.

Penetration test e cyber vulnerability assessment: cosa sono e come funzionano

Il vulnerability assessment non ha un significato scontato, perché non si tratta di un semplice test ma di un insieme di attività di scansione della rete alla ricerca delle vulnerabilità. La cyber vulnerability assessment infatti permette di conoscere la vulnerabilità del proprio sistema in anticipo e dunque di prevenire eventuali attacchi alla rete aziendale con un presidio anti hacker progettato proprio per la protezione della rete aziendale. Per cyber vulnerability si intende perciò la vulnerabilità dei codici dei sistemi IT, ossia tramite vulnerabilityscan si verifica se c’è un bug di implementazione, un difetto di progettazione, un punto debole dell’applicazione che possa consentire ai malintenzionati di carpirne i dati e prendere il controllo della rete aziendale. Insomma, con il vulnerability assessment di fatto si scansiona il sistema o la rete alla ricerca di eventuali debolezze che possano fornire agli hacker un backdoor. Il vulnerability test è spesso combinato al penetration test aziendale, volto ad analizzare la sicurezza dell’infrastruttura per sfruttare (in modo sicuro) le vulnerabilità e capire come gli hacker possano attaccare, prevenendo così effetti di campagne di phishing o altri tipi di attacchi hacker. In altre parole: con l’attività di penetration testing si simula un vero e proprio attacco hacker per individuare le falle che potrebbero consentire un accesso indesiderato al sistema.

Grazie al penetration test automatizzato infatti il sistema informatico dell’azienda viene scansionato al fine di trovare eventuali vulnerabilità, difetti tecnici o punti deboli legali alla progettazione, implementazione o gestione, che potrebbero compromettere la sicurezza delle reti aziendali. Una volta individuati i problemi di sicurezza il proprietario dell’azienda riceve un report con una valutazione e una possibile soluzione tecnica per rimediare alla criticità, come il ricorso ad un software per test anti hacker.

Quali sono i principali tipi di attacchi hacker

Sempre più aziende subiscono un attacco hacker. Ovvero gli hacker, approfittando di una vulnerabilità del sistema informatico, colpiscono la sicurezza della rete, rubando dati e richiedendo un riscatto. Tendenzialmente i tipi di attacchi hacker a cui prestare attenzione sono 5:

  • Il phishing, cioè il tentativo degli hacker di inviare fake mail (come se provenissero da una fonte reale) contenenti comunicazioni fraudolente al fine di rubare i dati sensibili dell’utente, come accessi, carte di credito o in alcuni casi installare un malware sul pc per poi prenderne il possesso
  • Il malware, ovvero il software malevolo che viola la rete sfruttandone la vulnerabilità quando la vittima dell’attacco hacker clicca sul link pericoloso o apre l’allegato contenuto nella mail di phishing, installando così un virus, uno spyware, un worm o un ransomware, e bloccando l’accesso ai componenti della rete. Tramite malware gli hacker agiscono senza che l’utente ne sia a conoscenza
  • L’attacco Man in the Middle, tradotto come “l’uomo in mezzo” in quanto si riferisce all’attacco hacker che intercetta le informazioni tra due persone rubando i dati. Di solito si verifica quando l’hacker colpisce la rete wi-fi non sicura e scansiona i dispositivi collegati cercandone le vulnerabilità per poi installare il malware
  • Il SQL injection, l’attacco al SQL attuato dal cyber criminale quando inserisce un codice malevolo in un server che usa un database SQL, rendendo pubbliche informazioni che dovrebbero restare riservate
  • Il Denial-of-service, tramite cui gli hacker inviano enormi flussi di richieste ai sistemi da colpire così da esaurirne le risorse e la larghezza di banda. Il sistema di conseguenza non potrà soddisfare le richieste ricevuta e crasha.

Come prevenire un attacco hacker aziende italiane

In caso di attacco hacker come difendersi? A seguito delle crescenti minacce alla cyber security aziendale, ormai è sempre più indispensabile dover adottare soluzioni anti-hacker se si vuole prevenire un attacco hacker nelle aziende italiane, come:

  • Limitare la condivisione in rete delle informazioni personali o aziendali, modificando ad esempio le impostazioni sulla privacy
  • Regolarmente cambiare le password più usate e impostare codici di accesso alfanumerici (per esempio, maiuscole e minuscole, numeri, caratteri speciali, segni di punteggiatura e simboli) così che siano più efficiente e quindi anche più difficili da decifrare
  • Non usare mai la stessa password per due volte e attivare il doppio metodo di verifica dell’accesso (per esempio con la ricezione di un messaggio sul dispositivo collegato)
  • Aggiornare sempre i sistemi operativi di protezione del sistema
  • Installare antimalware, soluzioni antivirus e firewall per bloccare la minaccia
  • Non aprire mai il contenuto di un allegato proveniente da un indirizzo email sconosciuto. Gli hacker tendono infatti spesso a violare il sistema tramite phishing
  • Utilizzare una Virtual Private Network (VPN), cioè una rete privata virtuale, per proteggere la connessione della rete
  • Evitare di cliccare su link presenti nelle mail, in quanto potrebbe trattarsi di un tentativo di phishing
  • Eseguire regolarmente il backup dei file più importanti con un sistema crittografato o su un dispositivo di archiviazione crittografato
  • Installare sul cellulare solo applicazioni sicure e di fonti affidabili, dato che anche lo smartphone è spesso bersaglio di attacchi hacker
  • Scansionare periodicamente il dispositivo con software antivirus

Cylock può aiutarti a mettere in sicurezza la tua rete. Contattaci per una valutazione della cyber security aziendale senza impegno.